Ti trovi in:

Home » Territorio » Mappa dei punti di interesse » La mappa di comunità

La mappa di comunità

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Mercoledì, 21 Maggio 2014
Immagine decorativa

La mappa di comunità.

Uno degli obiettivi primari, previsto dal progetto di Valorizzazione Territoriale promosso dal Comune di Bresimo, dall'Assessorato Urbanistica e Ambiente, curato da Annalisa Bonomi e Laura Ricci, con la partecipazione come stagista di Laura Dalla Torre, è stato quello di rendere questi luoghi, cari alla gente del posto per la presenza di una natura ancora incontaminata, conosciuti a grandi e piccoli visitatori. Il territorio di Bresimo è tutto da scoprire, qui gli elementi naturalistici si fondono con un substrato culturale che lascia i segni del tempo e della storia, qui architettura e natura vivono ancora in una dimensione di "rispetto" reciproco.

Il territorio è stato interpretato come un laboratorio naturalistico e culturale, dove chi arriva anche da lontano o chi vi vive, ma non ha ancora avuto modo di scoprire le bellezze della zona, deve avere la possibilità di immergersi in un paesaggio che ha preso forma attraverso il lavoro di chi vi dimora o vi ha vissuto, attraverso i valori che nel tempo sono stati trasmessi. È per questo che tra gli obiettivi del progetto ci si è posto quello del coinvolgimento della popolazione locale, al fine di costruire una Mappa di Comunità.
Per la sua costruzione è risultata indispensabile la partecipazione attiva della Comunità stessa, reale detentore di valori, di preziose testimonianze e ricordi.
Il minuzioso lavoro di ricerca e ricostruzione storica è stato compiuto durante i numerosi incontri con la cittadinanza che si sono tenute nelle serate invernali e primaverili del 2008. 
Il materiale raccolto è stato reso alla Comunità stessa e al visitatore, attraverso la realizzazione della Mappa di Comunità, un prezioso documento, dalla lettura del quale riaffiorano quei preziosi tasselli che fondendosi l'uno con l'altro hanno originato alla Comunità di Bresimo e che in questo modo potranno essere trasmessi non solo al visitatore ma anche alle nuove generazioni.
Le mappe sono infatti documenti custodi di un bene prezioso come la memoria delle storie umane legate ai luoghi, strumenti indispensabili attraverso i quali la gente che vi abita può raccontare agli altri o ricordare a se stessa i punti fondamentali della propria storia.